Ai fornelli con mamma e papà

Ai fornelli con mamma e papà

Ricette altoatesine per tutta la famiglia

In questi giorni l’Alto Adige, come tutto il mondo, sta vivendo momenti delicati. Quello che ci è richiesto è di rallentare i ritmi, cambiare le abitudini, quindi trascorrere più tempo da soli o con la nostra famiglia. Insomma, visto che bar e ristoranti sono chiusi e che non possiamo divertirci all’aria aperta, perché non passare più tempo ai fornelli, magari in compagnia dei propri figli? Abituare i bambini a cucinare e mangiare assieme ai genitori sicuramente aiuta tutti a crescere e vivere meglio. Allo stesso modo, seguire una corretta alimentazione fatta di ingredienti sani e genuini, che in Alto Adige proprio non mancano, e imparare a bilanciare gli alimenti scoprendone tutti i segreti, aumenta la qualità della vita.

Molto spesso, però, ritmi quotidiani serrati e orari di lavoro che non coincidono rendono tutto ciò molto difficile. Allora, perché non riprendere in mano l’antica tradizione altoatesina che si tramandava di generazione in generazione e che vedeva i bambini imparare a cavarsela in cucina sotto la guida dei loro genitori o dei loro nonni? In altre parole, queste settimane potrebbero veramente trasformarsi in un’ottima occasione per recuperare quelle abitudini familiari autentiche, abbinate a un pizzico di manualità che oggi sembra essere andata perduta a causa degli smartphones.

Cucinare assieme ai figli significa anche spiegare, passo per passo, il procedimento per realizzare prelibatezze e magari raccontare la storia degli ingredienti utilizzati.
Preparare il pranzo e la cena assieme aiuta inoltre a stimolare la fantasia nei ragazzi, magari la curiosità verso un tipo di ingrediente non conosciuto, oltre a rappresentare un’ottima attività fisica in un momento dove questa è limitata dall’obbligo di stare a casa. Una cucina che si trasforma in parco giochi, insomma!

Raggiungere il risultato finale sarà un poco più faticoso e richiederà più tempo, ma non è forse il tempo quello che abbonda in questi giorni?

Ecco quindi alcune ricette altoatesine tradizionali che ai giorni nostri stanno spopolando nelle case delle famiglie:

 

I Laugen che piacciono tanto a Heidi

I Laugen - ricette dell'Alto Adige

Ingredienti per fare il Laugen

  • 300g di farina Manitoba
  • 200g farina di tipo 1
  • mezzo cubetto di lievito fresco
  • 5g di miele
  • 200 ml di acqua
  • 150 ml latte di intero
  • 10 g di sale
  • 30 g di burro

Per la soluzione alla soda

  • 2 litri di acqua
  • 4 cucchiai di bicarbonato
  • 1 cucchiaino di sale

Procedimento
In una ciotola, inserire le farine, poi aggiungere il lievito e il miele, mescolare tutto, poi unire all’acqua e al latte, quindi impastare il tutto. Quando la pasta prende consistenza, aggiungere il sale fino ad ottenere una amalgama omogenea. Aggiungere ora il burro a piccole dosi, senza smettere di impastare, e, quando si ottiene una palla, lasciarla lievitare coperta in frigo per mezza giornata.

Quindi, prelevare l’impasto dal frigo e suddividerlo a piacere, formare delle palline e lasciarle riposare per altri 20 minuti. Le palline vanno poi prima stese con il mattarello e poi arrotolate a forma di filoncino, un poco nella forma preferita. I Laugen così ottenuti devono riposare su carta da forno per altre due ore, mentre si prepara la soluzione con la soda. Portata ad ebollizione, i Laugen vi vanno immersi per circa 20 secondi. Infine, praticare due incisioni su ogni Laugen e cuocerli in forno alla temperatura di 220 gradi per circa 20 minuti.

 

Spätzle: gnocchetti agli spinaci

Ingredienti per gli Spätzle

  • 250 g di spinaci
  • 3 uova piccole
  • noce moscata
  • 250 g di farina
  • 100 ml di acqua
  • sale

Per il condimento

  • 100 g di speck
  • 30 gr di burro
  • sale fino
  • olio extravergine di oliva
  • 250 g di panna fresca
  • pepe nero q.b.
  • erba cipollina a piacere

Procedimento
Cuocere le foglie di spinaci fino ad appassirle, poi frullarle fino ad ottenere una crema, aggiungere la farina, le uova e un pizzico di sale, quindi mescolare e unire all’acqua. Insaporire con la noce moscata. Formare piccoli gnocchi con l’impasto ottenuto. Per il condimento, tritare l’erba cipollina, tagliare lo speck a listelle e in una padella scaldare burro e olio. Soffriggere lo speck, poi versare la panna e l’erba cipollina con un poco di sale e pepe. Lasciare condensare il condimento. A questo punto è ora di cuocere gli Spätzle in acqua per pochi minuti ed unirli al condimento!

 

Pizza in famiglia!

La Pizza - ricette dell'Alto Adige

Ingredienti

  • 10 g di lievito tipo secco, “così tutto cresce”
  • 500 g di farina tipo 00, “bianca come la neve”
  • 25 g di sale grezzo, “rosa, che sa di mare”
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva, “il nettare dei romani”
  • 300 ml circa di acqua tiepida, “l’essenza della vita”
  • 1 lt. di passata di pomodoro, “fatto in casa e in conserva”
  • 150 gr. di mozzarella, “il formaggio dei nobili rinascimentali”
  • foglie di basilico, “la pianta regale”
  • origano, “la spezia di Aristotele”

Procedimento
Su un tavolo, con la farina crea una montagna. Al centro scava un cratere e mettici dentro l’acqua. Nel laghetto che hai creato versa il lievito e mescolalo un poco. A questo punto, impasta tutto, con le tue mani, fino a quando hai ottenuto una bella palla, quindi appiattiscila un poco. Fatti aiutare, qualcuno deve versare l’olio sulla superficie della pasta, ma piano piano, non deve uscire dai bordi. Divertiti a impastare, ma con delicatezza, mentre l’olio scende sulla pasta, non far troppo male all’impasto, sii delicato! Quando l’olio si è amalgamato con la pasta, è ora di unire il sale. Come fosse una pioggia, lentamente, mescolalo alla pasta.

Un poco di meritato riposo, per la tua pasta e anche per te e i tuoi figli, lasciala coperta da una pellicola per un paio d’ore. Nel frattempo, puoi cercare in rete cosa significa il processo di lievitazione della pasta!

Quindi, passate le due ore, stendi la pasta su una teglia e fai cadere pomodoro e mozzarella a volontà, dopodiché inforna il tutto ad almeno 250°C per 25 minuti e la pizza è pronta, basta solo aggiungere basilico e origano! Buon appetito!

Appassionato di cinema e letteratura, lavoro per diversi media della carta stampata, oltre a collaborare con televisioni locali per le quali realizzo servizi televisivi. Tutto il resto del tempo, lo passo a viaggiare, con la mente e con il sacco a pelo!

La tua vacanza