La “cattedrale del vino”

La “cattedrale del vino”

Inaugurazione della nuova Cantina Bolzano

Nel mondo del vino l’Alto Adige è sinonimo di eccellenza, qualità ed innovazione e nel corso degli ultimi decenni questa piccola regione vinicola ha visto una profonda trasformazione “dalla quantità alla qualità”. Nonostante l’Alto Adige produca meno dell’1% dell’intera produzione enologica italiana, ogni anno i vini altoatesini si fregiano dei premi e riconoscimenti delle più importanti guide nazionali ed internazionali. La forza più grande dell’Alto Adige risiede proprio nel perfetto equilibrio qualitativo di tutte le cantine: è quasi impossibile trovare un vino altoatesino poco buono, perché qui l’impegno verso la produzione di vini di altissima qualità è enorme. I singoli produttori hanno però compreso che spesso non basta solo la qualità del vino per differenziarsi dagli altri: per questo motivo la tensione costante verso la massima qualità si riflette sempre più anche nelle forme architettoniche dei siti produttivi. Attraverso un design di grande impatto i produttori possono infatti affermare la loro maestria e trasmettere questa consapevolezza anche verso l’esterno. Ecco spiegato perché le cantine costruite in Alto Adige negli ultimi anni sono dei veri e propri gioielli architettonici. E la nuova Cantina Bolzano ne è l’esempio perfetto.

Cantina Bolzano è la seconda cantina più grande della regione e ogni anno produce circa 3 milioni di bottiglie, tra cui spicca uno dei rossi più importanti e rappresentativi dell’Alto Adige: il Lagrein “Taber”. La nuova sede di Cantina Bolzano sorge nel quartiere di San Maurizio e la sua inaugurazione ufficiale, avvenuta lo scorso fine settimana, ha visto la partecipazione di circa 500 invitati provenienti da ogni angolo della regione. Durante la cerimonia il Vescovo Ivo Muser ha definito la cantina una “Cattedrale del vino”, e gettando uno sguardo alla nuova struttura questo confronto è più che comprensibile.

Cantina vini a Bolzano - Blog Booking Alto Adige

La nuova Cantina Bolzano è stata progettata per integrarsi perfettamente nel paesaggio circostante con la sua forma allungata, pur mantenendo alcuni elementi architettonici a vista. Dall’esterno è visibile solamente l’edificio che ospita la parte amministrativa, un prisma la cui facciata è avvolta da una lamiera traforata di alluminio color bronzo che ricorda una foglia di vite ed è di grande impatto visivo. Di altrettanto rilievo sono gli spazi interni, che molte persone hanno avuto l’occasione di vedere personalmente in occasione dell’inaugurazione della cantina. L’elemento distintivo di Cantina Bolzano è però la produzione, che avviene dall’alto verso il basso sfruttando la forza di gravità: le uve raccolte dai 224 viticoltori vengono infatti conferite nel punto più alto della struttura e scendono delicatamente in “caduta libera”, passo dopo passo, per tutto il processo di lavorazione fino ad arrivare alla fase di stoccaggio e affinamento in cantina.

È stato l’enologo di Cantina Bolzano, Stephan Filippi, a spiegarci nei minimi dettagli il processo di lavorazione: “Il sistema di vinificazione a gravità ci permette di ridurre l’impatto meccanico durante la lavorazione, preservando quindi la massima qualità. Inoltre, utilizzando diversi contenitori e serbatoi, possiamo separare e lavorare al meglio le diverse varietà e le uve provenienti dai vari appezzamenti, in modo tale da dare piena espressione alle caratteristiche di ogni uva”. Durante la cerimonia di inaugurazione abbiamo potuto degustare alcuni dei primi vini nati da questo procedimento innovativo e possiamo assicurarvi che il risultato è strabiliante. Appassionati e curiosi potranno assaggiare molto presto anche tutti gli altri vini nati interamente nel nuovo sito produttivo, ad eccezione delle edizioni “Riserva”, che avranno bisogno di più tempo prima di fare il loro debutto nel mondo vinicolo.

Cantina vini a Bolzano - Blog Booking Alto Adige

Cantina Bolzano ha prestato grande attenzione anche all’ambiente durante la costruzione della nuova sede: la struttura è stata infatti realizzata seguendo i rigorosi standard CasaClima ed è l’unica Cantina Produttori in Italia ad aver ottenuto la certificazione CasaClima Wine®. Ciò significa che la cantina si impegna quotidianamente per utilizzare le risorse naturali in maniera sostenibile. Per esempio, nel sito produttivo viene utilizzata la temperatura stabile del terreno del pendio per raffreddare gli spazi sotterranei in modo naturale. In questo modo c’è un notevole risparmio energetico e si salvaguarda l’ambiente e ciò rende la nuova Cantina Bolzano l’emblema della qualità e sostenibilità.

Vi ho incuriositi? Io non vedo l’ora di scoprire tutti i segreti di questo gioiello architettonico con una delle visite guidate che la cantina organizza su richiesta. Mi hanno detto che il tour si conclude nel wine-shop “Vinarius” che, anche senza visita guidata, è aperto al pubblico tutti i giorni, dal lunedì al sabato.

Neue Weinkellerei Bozen - Blog Booking Südtirol

Nato a Merano, Rainer Hilpold è un uomo che preferisce parlare poco e solo quando serve. Lago o montagna? Campagna o città? Alpino o mediterraneo? Outdoor o indoor? “Per fortuna in Alto Adige c’è tutto e non dobbiamo scegliere. L’importante è che riusciamo a godercelo!“

La tua vacanza