I demoni dell’Alto Adige

I demoni dell’Alto Adige

Quando le giornate si accorciano e le temperature si abbassano, i Krampus escono dalle loro tane

Laddove c’è luce, c’è anche ombra. Come è ben noto, gli opposti si attraggono ed è proprio così anche per Nikolaus, il San Nicolò altoatesino, e le figure diaboliche che lo accompagnano. Mentre San Nicolò premia i bambini buoni, i bambini cattivi vengono puniti dai Krampus. La figura del Krampus, spesso chiamato “Tuifl” in dialetto altoatesino da Teufel, ovvero diavolo, accompagna fedelmente il santo dalla lunga barba bianca. La sua smorfia meschina e il suo aspetto inquietante ogni anno tornano a incutere timore ai bambini ma non solo.

Da molti anni i Krampus non si limitano solamente ad accompagnare San Nicolò, ma si radunano anche per allestire uno spettacolo tutto loro. Generalmente queste orribili bestie escono dalla loro tana già alla vigilia del giorno di San Nicolò, ma dal momento che i Krampus godono di una popolarità in crescita non seguono sempre al dettaglio il loro programma infernale. L’usanza viene fatta risalire nell’antichità ai riti celtici e apparentemente trova la sua origine nelle alpi austriache orientali. Allora la popolazione era solita indossare una maschera per allontanare gli spiriti dell’inverno durante danze rituali. Nel periodo dell’Inquisizione, tale usanza era temporaneamente scomparsa quasi del tutto, fatta eccezione per un paio di località remote delle Alpi. Vigeva infatti la pena di morte per chiunque si travestisse da diavolo. Questo però non ha impedito all’usanza di tornare a diffondersi successivamente in tutto l’arco alpino.

Nel corso del tempo in Alto Adige si sono formati numerosi gruppi di ritrovo dei Krampus. I giovani indossano i loro costumi infernali per fare rivivere la tradizione. Dall’Alta Val Venosta fino alla Bassa Pusteria i Krampus hanno fondato delle vere e proprie associazioni. L’impegno e la dedizione che si nascondono dietro l’animata interpretazione dei Krampus sono davvero sorprendenti. Una sfilata richiede spesso settimane di preparazione e di prove. L’onere finanziario pesa per lo più sulle spalle pelose dei Krampus stessi. I costumi non sono infatti economici, ma per un motivo specifico.

Ogni costume indossato dai Krampus è un capo unico. Pelli di capra vengono cucite insieme a una coda di cavallo per realizzare la pelle del Krampus. Il punto forte di questi diavoli è però la loro maschera, una vera e propria opera d’arte. I volti dei Krampus vengono intagliati nel legno di cembro e richiedono ore e ore di lavoro manuale. La cura per ogni dettaglio delle maschere è notevole e ne spiega l’alto prezzo, raramente sotto i mille euro.

I Krampus dell’associazione di Tesimo

Una delle associazioni più belle dell’Alto Adige si trova a Tesimo. L’associazione dei Krampus di Tesimo è stata fondata nel 2006. L’appuntamento che ogni anno i membri dell’associazione attendono con impazienza è la sfilata di San Nicolò nel centro di Tesimo, animata perfino da effetti pirotecnici.

I Krampus fanno parte di una di quelle tradizioni che rendono l’Alto Adige così unico e inconfondibile.

Appuntamenti imperdibili:

  • 05.12.15 Sfilate dei Krampus a Tesimo
  • 06.12.15 Sfilate di San Nicolò in Alto Adige
  • 07.12.15 Raduno con sfilata dei Krampus a Merano
  • 12.12.15 Sfilata dei Krampus a Castelrotto
Elisa arriva da Trento ma è un'eterna girovaga. Dopo aver vissuto in diverse cittá ha deciso di stabilirsi a Trento e godersi un po’ amici, famiglia e montagne. Ama viaggiare, é un'amante del buon vino e della buona cucina, rigorosamente degustati in buona compagnia.

La tua vacanza