Braies: il re dei laghi

Braies: il re dei laghi

Una camminata sul Lago di Braies è un'avventura per grandi e piccini.

Il lago di Braies è la stupefacente “Perla Nera“ di ogni capitano Jack Sparrow della montagna. E se Jack Sparrow non sapete proprio chi sia, nessun problema! Saprete ben riconoscere la cornice imponente delle Dolomiti di Braies attorno alle acque verdi smeraldo di una delle mete turistiche più amate di sempre.

La vista è uno spettacolo unico a 1494 metri di altitudine, che sa di roccia e di fiaba. Il blu intenso, dove il lago tocca 36 metri di profondità, si mescola ai riflessi smeraldini delle acque meno profonde, dando vita ad una meravigliosa sinfonia di colori.

Questo è il luogo che concilia i gusti di tutti ed esaudisce ogni desiderio. Un libro da gustare sulle spiagge del lago, che meravigliosamente si immergono nelle acque chete di Braies. Ce n’è per tutti i gusti: erba, sassi, benessere, natura selvaggia e luoghi incantati. Il lago con i suoi 31 ettari di superficie offre una delle piú belle passeggiate per tutta la famiglia, un piacevole sali-scendi che costeggia la parete rocciosa della Croda del Becco, la catena montuosa che maestosamente circonda la baia. La camminata prende il via dall’hotel “Lago di Braies”, affacciato sulla sponda nord del lago. Fu la famiglia Hellensteiner, proprietaria dell’albergo, a realizzare questo sentiero: 1 ora e un quarto per appena 93 metri di dislivello da affrontare con disinvoltura, con al seguito passeggini ingombranti e piccoli futuri scalatori ululanti, per trovarsi poi, dopo un giro dalla vista mozzafiato, al punto di partenza.

Uno scarponcino è sempre vivamente da consigliare: ci troviamo pur sempre in montagna! Ai più sportivi e avventurieri nulla vieta di cimentarsi nelle escursioni che dal lago portano al cuore delle Dolomiti. Tra queste, la più famosa è certamente l’Alta Via delle Dolomiti Nr.1, che con alcuni passaggi assicurati invita solo i più allenati ad avventurarsi lungo i 6 chilometri di percorso che conducono dopo 3 ore e mezza di marcia al Rifugio Biella, a 2327 metri. I ripidi sentieri, su un dislivello di 900 metri, richiedono una certa esperienza ed una certa abitudine a camminare in montagna.

La giornata a Braies deve chiudersi solo in un modo: per rilassare ogni fibra del corpo, una piacevole gita in barca a remi può aiutare. Da metà giugno fino a fine settembre si possono noleggiare le piccole imbarcazioni presso una graziosa palafitta in legno; da lì ci si può tuffare in un viaggio di emozioni per gli occhi.

Una location di prim’ordine: non è per copiare il titolo del famoso sceneggiato con Terence Hill, ma effettivamente nel trovarsi qui di fronte si ha l’impressione di essere “ad un passo dal cielo”. E per chi ama il mistero… Si racconta che, una volta all’anno, due misteriose figure femminili compaiono a bordo di una barca, sulle limpide acque del Lago di Braies. E’ la leggenda che diventa mito e che si perde in una storia di guerra, amore e tradimento alle porte di un regno senza tempo, scavato tra le rocce e sommerso dalle acque.

Fin che la barca va, voi comunque lasciatela andare.

Scrivo da sempre: articoli, poesie (cosa che mi rende sempre molto felice), romanzi (che ho già riscritto due volte), lettere (i miei ex ne sono sempre molto felici). Segni particolari? La saggezza dei libri e la forza dei cavalli, l’odore del caffè la mattina e la vista al tramonto delle montagne dal mio balcone!

La tua vacanza