Elisa Casagrande

Blogger: Elisa Casagrande

Raccontaci chi sei e da dove vieni in poche parole.

Mi presento: sono Elisa. Trentina di nascita ma adottata ben presto dall’Alto Adige. Cittadina del mondo, amo viaggiare ma adoro il momento in cui si rientra a casa dopo un lungo viaggio. Dopo aver vissuto in diverse città ha deciso di stabilirmi a Trento e godermi un po’ amici, famiglia e montagne.

 

Che cosa ti rende un esperto dell’Alto Adige?

Sono i chilometri percorsi lungo le strade altoatesine a rendermi una vera esperta! Adoro trascorrere i miei week-end on the road in Alto Adige, non importa che sia con la bici, a piedi o con gli sci … ogni occasione é preziosa per esplorare un nuovo angolo di questo paradiso!

 

Cos’ha di speciale l’Alto Adige secondo te?

L’aria che si respira, le tradizioni e i sapori autentici rimasti intatti di generazione in generazione. L’Alto Adige è fatto di piccole cose e soprattutto di esperienze vere ed autentiche. Bisogna solo saperle cogliere!

 

Qual è il tuo angolo di Alto Adige preferito?

Il Lago di Braies mi lascia sempre senza parole. Ha una bellezza da togliere il fiato. È un luogo magico, rigenerante per tutti i sensi! È un piccolo angolo di paradiso terreste nel quale rifugiarsi per evadere dalla routine quotidiana.

 

L’attività preferita dagli altoatesini DOC?

Mangiare e bere, rigorosamente in compagnia. È questo che adoro degli altoatesini, ogni occasione è buona per sedersi attorno ad un tavolo e degustare assieme tutto quello che il territorio ha da offrire. L’Alto Adige è un esempio di come natura e uomo possano funzionare bene assieme: qui i prodotti della natura vengono davvero valorizzati al meglio!

 

Consiglio per una vacanza perfetta in Alto Adige? 

Non accontentatevi di essere turisti in Alto Adige ma siate viaggiatori ed esploratori. Immergetevi nella vita degli altoatesini, mangiate con loro e seguendo i loro ritmi. Fatevi guidare alla scoperta delle loro montagne, dei laghi meno conosciuti, assaggiate i veri piatti della cucina tradizionale, bevete vini autoctoni, rispettate il silenzio e la natura che vi circonda e vedrete… camperete cent’anni!